l'inganno dell'evoluzione

< <
8 / total: 16

Vivere Incessantemente Il Corano Secondo La Coscienza Morale

L’unico scopo di una persona che si rende conto dell’esistenza di Dio e dell’al di là è quella di piacere a Dio e di vivere eternamente in paradiso. E’ impossibile, per chi si conforma alla propria coscienza morale ed alla saggezza, avere altri obiettivi. Il grande errore dell’uomo è di pensare che la religione sia una credenza che comprende solo una piccola parte della propria vita: non la si ricorda che occasionalmente e la si relega a qualche culto d’adorazione. Al contrario, secondo il Corano, tutta la vita dell’uomo, oltre all’aspetto cultuale, dev’essere consacrata a Dio:

Dì: “In verità, la mia preghiera, i miei atti di devozione, la mia vita e la mia morte appartegono a Dio, il Signore dei mondi”.(Sura VI Al-An'am, Il Bestiame: v. 162)

Ciò significa che in tutte le sue parole, in tutte le sue decisioni ed in tutte le sue azioni, l’uomo deve prestare attenzione ad ottenere il gradimento di Dio. Se pensa che una cosa non sia Lui gradita, la deve assolutamente evitare. Non ha alcun’altra scelta chi sarà chiamato a rendere il conto per la vita che ha seguito: la dimora eterna dipenderà dal risultato. Inoltre, chi non è ingrato e chi pensa e comprende la verità non considererà sicuramente niente di più importante che far piacere al suo Creatore, che l’ha creato dal nulla, gli ha donato la vita quando non esisteva e gli ha accordato la possibilità di vivere per sempre in paradiso.

Chi decide di passare tutta la vita dedicandola a Dio deve dar ascolto alla propria coscienza morale per scoprire come potrà piacere a Dio stesso. Nel Corano, Dio ha chiaramente definito tutti i Suoi ordini e le azioni che ha proibito. Seguire la propria coscienza morale permette d’osservare strettamente questi comandamenti. Si debbono prendere come guida i modelli di buon comportamento descritti nel Corano per agire con grandissima sincerità e per mettere in pratica, nel miglior modo possibile i precetti coranici. La preghiera è uno di questi obblighi:

Quando si compie la preghiera, invocate il nome di Dio, in piedi, seduti o coricati su un fianco. Quando poi siete in purità, fate la preghiera (normalmente), perché la preghiera, per i credenti, va compiuta in momenti determinati.Sura IV An-Nisâ’, Le Donne: v. 103)

Se è possibile sia vivere ciò che la propria coscienza morale dètta conformemente con ciò che il Corano esige e sia seguire i comandamenti coranici avanzando diversi pretesti, tuttavia non bisogna dimenticare che, quel che sia la scusa avanzata per non compiere le preghiere, questa non sarà accettata nell’al di là. In un altro versetto, Dio chiede all’uomo di agire con giustizia qualsiasi siano le condizioni e le circostanze:

O voi che credete! Osservate strettamente la giustizia nel timore di Dio, fosse anche contro voi stessi, o contro vostro padre o vostra madre o contro i vostri prossimi parenti. Che si tratti di un ricco come di un bisognoso; nell’uno come nell’altro caso, Dio ha la priorità. Non seguite dunque le passioni, al fine di non deviare dalla giustizia. Se voi testimoniate il falso o se voi vi rifiutate, sappiate che Allah conosce perfettamente tutto ciò che fate.Sura IV An-Nisâ’, Le Donne: v. 135)

Adempiere ai comandamenti di Dio con la stessa cura con la quale si seguono i propri interessi non è possibile se non ascoltando la voce della coscienza morale. Riflettiamo su qualche situazione che può affrontare chi è invitato a prestare attenzione ai versetti di cui sopra.

E’ possible, per esempio, che una persona - testimoniando il vero in un processo – causi la condanna di un proprio familiare. Nondimeno, con un esempio parallelo, una persona che sa che renderà conto dopo la propria morte ascolta la voce della sua coscienza morale ed agisce in conformità con i precetti coranici. Nulla di questo mondo può essere ritenuto più grande dei benefici dell’al di là. Leggiamo in un altro versetto:

O Credenti! Siate rigorosi (nei vostri doveri) verso Dio e (siate) testimoni imparziali. E l’odio per un popolo non vi induca ad essere ingiusti. Praticate l’equità; è più cònsona alla pietà. E temete Dio. Perché Dio è certamente chi conosce perfettamente ciò che voi fate.(Sura V Al-Mâ'ida, La Tavola: v. 8)

Affinché una persona possa agire in conformità con questo versetto, deve dominare la propria collera anche quando è furioso e prendere una giusta decisione. Può non amare la persona con la quale intrattiene una conversazione a causa dei modi di fare e delle parole di questa, ed anche portare rancore nei suoi confronti.

Quindi, qualsiasi sia il carattere di questa persona, bisogna obbedire all’ordine di Dio che esige di essere giusti verso chiunque. In un altro versetto, Dio ci prescrive di evitare il sospetto ed il pettegolezzo:

O voi che credete! Evitate troppe congetture (sugli altri) perché le congetture sono peccato. E non spiate; e non sparlate gli uni degli altri. Chi di voi ama mangiare la carne del proprio fratello morto? (No!) Sarebbe un orrore. E temete Dio. Perché Dio è il Grande Accoglitore del pentimento, è Misericordioso. (Sura XLIX Al-Hujurat, Le stanze Intime: v. 12)

Dio, quindi, mette in guardia l’uomo da alcuni tratti negativi del carattere. In realtà, i tre modi specifici menzionati in questo versetto sono in relazione fra loro. Chi sparla ha cattivi sospetti sulla persona della quale sparla. Allo stesso modo, chi spia un altro lo fa in ragione di alcuni sospetti. Questi tipi di comportamento sono molto comuni e sono accettati dalla società, in un modo o in un altro, anche se sono da considerare contrari alla coscienza morale.

Immaginare se stessi in una situazione simile può rivelarsi utile. Nessuno vuol essere spiato né veder rivelati i propri segreti ed i propri fatti. Nessuno vuol essere oggetto di pettegolezzo o di malvagi sospetti, perché ciò afflige in maniera profonda. E’ cattiva ed inescusabile. La coscienza morale permette d’evitare di far agli altri ciò che non si tollera che venga fatto a noi. E’ per questo che Dio paragona questi comportamenti al “mangiare la carne morta del proprio fratello”. Tutto questo è ripugnante come lo sparlare, sospettare e cercare gli altrui difetti. Dio avverte quelli che si dedicano a tali azioni:

Maledizione a tutti i calunniatori e diffamatori, che amassano la fortuna e la contano, pensando che questa fortuna li renderà immortali. Ma no! Saranno certamente gettati nella Hutamah. E chi ti dirà cos’è questa Hutamah? E’ il fuoco acceso da Dio che arriverà fino ai cuori. Si depositerà su di loro, in vaste colonne di fiamme. (Sura CIV Al-Humaza, I Diffamatori: vv. 1-9)

Sparlare, cercare di penetrare nei segreti altrui ed accusare le persone semplicemente su sospetti, sono spesso il prodotto della gelosia, dell’invidia e del rancore, contrari alla morale coranica. Un simile comportamento anche se molto diffuso è incompatibile con la coscienza morale. Allorché si considera come Dio biasimerà queste azioni, la condotta da seguire – la più appropriata ed in conformità con la morale coranica – è sempre quella di evitare e di scoraggiare vivamente gli altri a comportarsi così.

Il comportamento ed i pensieri di una persona che ha colto l’essenza del Corano saranno basati sulla buona morale prescritta dall’Islam. In altre parole, chi possiede questo buon carattere penserà ed agirà sempre coscienziosamente. Non dimenticherà mai la morte e l’al di là ai quali le sue azioni hanno mirato. Rifletterà sull’al di là non soltanto per sé stesso, ma anche per chi ama e per tutta la sua intera comunità. Tutti i suoi sforzi mireranno al prepararsi a questa dimora eterna. Considera anche ciò che gli sembra normale, sempre riferendosi non al mondo terreno, ma all’al di là. Per esempio, se ha un amico molto ricco, pensa immediatamente che il proprio amico, anche lui, morirà un giorno e renderà conto. In particolare, avrà cura di non fare discorsi che potranno legare il suo amico alla vita mondana. Gli ricorderà il paradiso e l’inferno. Pregherà per il suo bene e per la sua pace in questo mondo e nell’altro, e si augurerà che Dio li unisca felicemente dopo la morte. Manifesterà il proprio amore per questo amico ordinandogli ciò che è corretto ed impedendogli ciò che è biasimevole.

A prima vista, chi si conforma alla propria coscienza morale e cerca sempre di soddisfare Dio può sembrare non differente dagli altri. Va in ufficio o a scuola, fa degli acquisti e si diverte. Tuttavia, cerca di soddisfare Dio in tutto ciò che fa. In un versetto Dio dice:

Nelle moschee che Dio ha permesso di innalzare, e dove il Suo Nome è invocato; lì viene glorificato, mattina e sera.(Sura XXIV An-Nûr, La Luce: v. 36)

Ci si può domandare come sia possibile cercare la soddisfazione da parte di Dio nelle azioni quotidiane e di ricordarle in ogni momento. Innanzitutto, occorre dire che per chi segue la propria coscienza morale, gli atti di adorazione ed i comandamenti di Dio sono al di sopra di ogni altra cosa. Egli non dimentica mai che Dio lo osserva sempre. Nel commercio, non si interessa dei benefici che trae in questo mondo, ma a quelli che trarrà nell’al di là. Non accetta la disonestà e si guarderà bene dal commettere qualsiasi azione che non sarà in grado di spiegare e della quale avrà vergogna nella sua vita futura. Anche se dovesse andar male una transazione, non potrà mai ingannare il proprio cliente truffandolo sul peso o sul prezzo. Egli sarà sempre affidabile e degno di fiducia. Non ritarderà mai i pagamenti dei suoi debiti quando ha i mezzi per pagare. Se il suo debitore si trova in difficoltà, può rinunciare al proprio credito. Nel Corano, è così consigliato:

Se si tratta di un debitore in difficoltà, gli si deve accordare una dilazione sino a che si risollevi. Se rimettete il debito, sarà meglio per voi, sappiatelo.(Sura II Al-Baqara, La Vacca: v. 280)

Un credente non dimentica mai che il potere che lo farà prosperare appartiene soltanto a Dio. Non trasgredisce, né dilapida i propri beni; al contrario, ringrazia Dio per tutti i favori accordatigli.

Ci sono molti altri avvenimenti che l’uomo affronta durante la propria vita quotidiana per i quali può ricordarsi di Dio e ricercare il Suo gradimento, affidandosi alla verità ed alla saggezza della Sua parola trasmessa dal Suo Messaggero (pbsdl) attraverso il Corano. Chi desidera vivere religiosamente deve leggere il Corano e mettere in pratica questa lettura impiegando la propria coscienza morale.

La Coscienza Morale Va Alla Ricerca Di Ciò Che Più Piace A Dio.

E’ molto difficile ricercare il gradimento del Creatore nella coscienza morale dell’uomo. Si riflette sempre sulla domanda: “Come meglio posso piacere a Dio?” Non ricerca mai la soddisfazione degli altri o non si inquieta mai delle opinioni degli uomini. Non si volge in penitenza che a Dio.

Alcune persone vivono l’Islam senza servirsi della coscienza morale, in maniera tradizionale ed abituale, nella maniera osservata dai propri avi. Si accontentano di osservare alcuni riti che hanno memorizzato e scelto come genere di vita non molto improntata sulla religione. Questo si spiega nel fatto che hanno voluto evitare un conflitto ambientale o semplicemente che sono stati innalzati in questo modo. Piuttosto che sforzarsi di piacere a Dio, essi si domandano: “Qual è il minimo che debbo seguire per far credere alla gente che sono religioso?”

In ogni caso, è impossibile vivere l’Islam senza usare interamente la coscienza morale. Una persona veramente coscienziosa è sempre alla ricerca del miglior modo di praticare ogni atto di adorazione, al fine di assicurarsi che nulla gli causerà problemi il Giorno dei Conti. Sa che verrà ricompensata nell’al di là per il comprotamento tenuto su questa terra. Dio avverte le persone su questo punto:

Eseguite la preghiera e pagate la zakât! E tutto quanto di bene avrete compiuto, lo ritroverete presso Allah. Allah osserva tutto quello che fate.(Sura II Al-Baqara, La Vacca: v. 110)

Dio ordina a ciascuno di fare sempre del proprio meglio, nel miglior modo, e di esprimere sé stessi nella maniera migliore.

E dissi ai miei servitori di esprimersi nel migliore dei modi, perché il diavolo semina discordia fra loro. Il diavolo è certamente per l’uomo un nemico dichiarato.(Sura XVII Al-Isrâ’, Il Viaggio Notturno: v. 53)

Chi è al corrente di questo comandamento di Dio trova le migliori parole ricorrendo alla propria coscienza morale. Egli non pronuncia ciò che gli viene da dire spontaneamente e riflette prima di parlare. Fa i migliori discorsi e si guarda dall’offendere o dallo scoraggiare le persone con le quali dialoga. Sceglie i discorsi che fanno contento Dio, impiega la propria coscienza morale come chiave di riferimento.

In un altro versetto, Dio suddivide l’umanità in tre gruppi secondo il loro attaccamento all’Islam:

Facemmo quindi di quelli che Noi scegliemmo come nostri servitori, degli eredi del Libro. (Sura XXXV Fâţir, Il Creatore: v. 32)

Com’è menzionato nel versetto, alcune persone non vivono l’Islam. Altri non seguono che in parte ciò che la loro coscienza morale suggerisce e non consacrano che pochissimo tempo e pochissimi mezzi economici per l’Islam, sempre che queste spese non siano ni contrasto con i loro interessi. Non fanno seri sforzi affinché l’Islam e la buona morale siano propagate fra gli uomini. Pensando di osservare ciò che è lecito e rifuggendo ciò che è illecito, credono che gli atti di adorazione che praticano li rendono moralmente capaci.

E’ conforme alla coscienza morale scegliere e praticare la migliore e più corretta condotta dal punto di vista morale fra quella che è permessa ed accettabile. Dio si riferisce nel Corano a quelli che seguono la migliore condotta:

Che prestano orecchio alla parola ed obbediscono a quanto di meglio essa contiene. Sono quelli che Dio ha guidato e sono loro i dotati di intelletto.(Sura XXXIX Az-Zumar, Le Schiere: v. 18)

Il terzo gruppo consiste in quelli che agiscono in piena conformità con la loro coscienza morale. Fanno a gara nel compiere le buone opere al fine di guadagnare la più alta ricompensa dal loro Signore e si fanno avanti volontariamente in ogni servizio ed in ogni atto di bontà, prima che lo facciano altri. Dato che hanno il meglio, la loro coscienza morale non gli permette minimamente di accontentarsi.

Come possiamo notare, la coscienza morale esige non soltanto di conoscere Dio ed accettare la Sua esistenza, ma anche di compiere gli atti che a Lui piacciono e di prestarvi grande attenzione. La maggior parte delle persone crede che basti credere nell’esistenza di Dio. Sul punto, si legge nei versetti del Corano:

Di: “Chi provvede al nutrimento dal cielo e dalla terra? Chi domina l’udito e la vista, e chi fa uscire il vivo dal morto ed il morto dal vivo, e chi amministra il tutto?” Essi dissero: “Dio”. Di allora: “Non lo temete quindi?” Questi è Dio, il vostro vero Signore. Oltre la verità, cosa c’è se non l’errore? Come potete dissuadervi? (Sura X Yûnus, Giona: vv. 31-32)

Quelle persone credono nell’esistenza di Dio ed accettano altresì che Egli sia chi provvede a loro, che gli dona la vita e la morte e che è il Creatore ed il Proprietario di tutto. Impiegano la loro coscienza morale solamente fino al punto in cui la considerano sufficiente per la loro fede. Chi impiega in pieno la propria coscienza morale, prova, tuttavia, un timore pieno di rispetto verso Dio poiché gode della Sua sublimità. Questo timore differisce dagli altri timori che si provano, poiché e il timore di perdere il consenso di Dio. Passa la sua vita intera a ricercare il gradimento del suo Creatore. Non pone limiti per avvicinarsi a Dio. Nel Corano, Dio cita come esempio Abramo e dice:

Chi è migliore nella religione di colui che sottomette il proprio essere, conformandosi alla Legge rivelata e che segue la religione di Abramo, uomo retto? Abramo del quale Dio è amico.(Sura IV An-Nisâ’, Le Donne: v. 125)

Anche chi agisce secondo la propria coscienza morale tenterà di giungere al più alto livello di comprensione dello spirito umano. Si sforzerà, giorno e notte, di cogliere la potenza e la maestà di Dio, di avvicinarsi a Lui e di divenire Suo intimo amico. Dato che non potrà mai essere sicuro di aver stabilito il più alto grado d’amicizia e di vicinanza, il suo sforzo e la sua buona volontà continueranno sino alla fine della sua vita. Vi potreste domandare come sia possibile essere vicini a Dio. La risposta è sempre la nostra coscienza morale, come spiegheremo nelle pagine seguenti.

 

8 / total 16
You can read Harun Yahya's book L'importanza Della Coscienza Nel Corano online, share it on social networks such as Facebook and Twitter, download it to your computer, use it in your homework and theses, and publish, copy or reproduce it on your own web sites or blogs without paying any copyright fee, so long as you acknowledge this site as the reference.
Riguardo questo sito | Fanne la tua Homepage | Aggiungi ai preferiti | RSS Feed
tutto il materiale può essere copiato, stampato e distribuito semplicemente facendo un riferimento a questo sito
(c) All publication rights of the personal photos of Mr. Adnan Oktar that are present in our website and in all other Harun Yahya works belong to Global Publication Ltd. Co. They cannot be used or published without prior consent even if used partially.
© 1994 Harun Yahya. www.harunyahya.it
page_top
iddialaracevap.com adnanoktarhaber.com adnanoktarhukuk.com adnanoktargercekleri.net
"...Biz Vakıf faaliyetlerimiz ile her zaman Devletimizin yanında olduk"
"Biz kimseyle ilgili karalama faaliyeti yapmadık..."
"...Sözde tecavüz için mi buradaki arkadaşlarımla biraraya geleceğim?!"
"...Faaliyetlerimiz herkese hitap ediyor ..."
"Bizim amacımız şatafat içinde yaşamak değil, hiç kimsenin hitap edemediği...
"İnancım gereği ben insanlara yardım ederim"
"Ne yapsa "zorla" diyorlar. Zorla Gülümsüyor, Zorla, Zorla olur mu?"
"Bizim bir arada olma amacımız örgüt kurmak değil. ilmi mücadele...
"Biz birbirimizi Allah için seven.. arkadaşlarız"
"Polisler geldi, hangi eve operasyon yapacağız derlerken, balkona çıkıp...
"Biz örgüt değiliz"
"Devletimizi desteklediğimiz çok hayırlı faaliyetlerimiz var, Bunlar...
"Biz Allah`tan Razıyız Allah da Bizlerden Razı olur inşaAllah"
"İddia edildiği gibi katı bir ortam olsa 40-50 yıl niye kalalım?"
"Neden cömertsin?" diye soruyorlar
"İngiliz Derin Devleti bunu duyunca çıldırdı..."
"Biz Milli değerler etrafında birleşmiş bir sivil toplum kuruluşuyuz"
"Bir imza atıp dışarı çıkmayı ben de bilirim. Ama iftira büyük suçtur."
"Ben varlıklı bir aileden geliyorum, Saat koleksiyonum var"
"Silahlı suç örgütü iddiası tamamen asılsızdır, yalandır, iftiradır."
"Bizim yaptığımız tek şey Allah'ın yaratışını anlatmaktır."
"Almanya'da İslamofobi var, İslam düşmanları var..."
Bir örgüt olsak devlet bizimle faaliyette bulunur mu?
DAVAMIZ METAFİZİKTİR – 2. BÖLÜM
DAVAMIZ METAFİZİKTİR – 1. BÖLÜM
MAHKEME SÜRECİNDE SİLİVRİ CEZAEVİNDE YAŞANAN EZİYET VE ZULÜMLER
"Ben Sayın Adnan Oktar `dan hiçbir zaman Şiddet, Eziyet, Baskı görmedim."
DAVA DOSYASINDAKİ CİNSELLİK KONULU İDDİALAR TÜMÜYLE GEÇERSİZDİR
DURUŞMALARIN İLK HAFTASI
"İNFAK" SUÇ DEĞİL, KURAN'IN FARZ KILDIĞI BİR İBADETTİR
GERÇEK TURNİKE SİSTEMİ GENELEVLERDE
Adnan Oktar davasının ilk duruşması bugün yapıldı.
AVK. UĞUR POYRAZ: "MEDYADA FIRTINA ESTİRİLEREK KAMUOYU ŞARTLANDIRILDI,...
Adnan Oktar'ın itirafçılığa zorlanan arkadaşlarına sosyal medyadan destek...
Adnan Oktar suç örgütü değildir açıklaması.
Adnan Oktar'ın cezaevinden Odatv'ye yazdığı mektubu
Adnan Oktar'dan Cumhurbaşkanı Sayın Recep Tayyip Erdoğan'a mektup
Casuslukla suçlanmışlardı, milli çıktılar.
TBAV çevresinden "Bizler suç örgütü değiliz,kardeşiz" açıklaması
Bu sitelerin ne zararı var!
Adnan Oktar ve arkadaşları 15 Temmuz'da ne yaptılar?
Sibel Yılmaztürk'ün cezaevinden mektubu
İğrenç ve münasebsiz iftiraya ağabey Kenan Oktar'dan açıklama geldi.
Adnan Oktar ve arkadaşlarına Emniyet Müdürlüğü önünde destek ve açıklama...
Adnan Oktar hakkında yapılan sokak röportajında vatandaşların görüşü
Karar gazetesi yazarı Yıldıray Oğur'dan Adnan Oktar operasyonu...
Cumhurbaşkanı Sayın Recep Tayyip Erdoğan'dan Adnan Oktar ile ilgili...
Ahmet Hakan'nın Ceylan Özgül şüphesi.
HarunYahya eserlerinin engellenmesi, yaratılış inancının etkisini kırmayı...
Kedicikler 50bin liraya itirafçı oldu.
Adnan Oktar ve arkadaşlarına yönelik operasyonda silahlar ruhsatlı ve...
FETÖ'cü savcının davayı kapattığı haberi asılsız çıktı.
Adnan Oktar ve arkadaşlarının davasında mali suç yok...
Cemaat ve Vakıfları tedirgin eden haksız operasyon: Adnan Oktar operasyonu...
Tutukluluk süreleri baskı ve zorluk ile işkenceye dönüşüyor.
Adnan Oktar’ın Cezaevi Fotoğrafları Ortaya Çıktı!
"Milyar tane evladım olsa, milyarını ve kendi canımı Adnan Oktar'a feda...
Adnan Oktar davasında baskı ve zorla itirafçılık konusu tartışıldı.
Adnan Oktar ve arkadaşlarının davasında iftiracılık müessesesine dikkat...
Adnan Oktar davasında hukuki açıklama
Adnan Oktar ve Arkadaşlarının Masak Raporlarında Komik rakamlar
Adnan Oktar ve Arkadaşlarının tutukluluk süresi hukuku zedeledi.
Adnan Oktar'ın Museviler ile görüşmesi...
Adnan Oktar ve arkadaşlarına yönelik suçlamalara cevap verilen web sitesi...
Adnan Oktar ve arkadaşlarına karşı İngiliz Derin Devleti hareketi!
Adnan Oktar iddianamesinde yer alan şikayetçi ve mağdurlar baskı altında...
Adnan Oktar iddianamesi hazırlandı.
SAYIN NEDİM ŞENER'E AÇIK MEKTUP
Adnan Oktar ve Nazarbayev gerçeği!
En kolay isnat edilen suç cinsel suçlar Adnan Oktar ve Arkadaşlarına...
Adnan Oktar kaçmamış!
BİR KISIM MEDYA KURULUŞLARINA ÇAĞRI !!!
FİŞLEME SAFSATASI
İSA TATLICAN: BİR HUSUMETLİ PORTRESİ
MÜMİNLERİN YARDIMLAŞMASI VE DAYANIŞMASI ALLAH'IN EMRİDİR
SİLİVRİ CEZAEVİNDE YAŞANAN İNSAN HAKLARI İHLALLERİ
GÜLÜNÇ VE ASILSIZ "KAÇIŞ" YALANI
ABDURRAHMAN DİLİPAK BİLMELİDİR Kİ KURAN’A GÖRE, ZİNA İFTİRASI ATANIN...
YALANLAR BİTMİYOR
SAÇ MODELİ ÜZERİNDEN KARA PROPAGANDA
TAHLİYE EDİLENLERE LİNÇ KAMPANYASI ÇOK YANLIŞ
MEDYA MASALLARI ASPARAGAS ÇIKMAYA DEVAM EDİYOR
Adnan Oktar ve Arkadaşlarının ilk duruşma tarihi belli oldu.
AKİT TV VE YENİ AKİT GAZETESİNE ÖNEMLİ NASİHAT
YAŞAR OKUYAN AĞABEYİMİZE AÇIK MEKTUP
KARA PARA AKLAMA İDDİALARINA CEVAP
Adnan Oktar ve FETÖ bağlantısı olmadığı ortaya çıktı.
TAKVİM GAZETESİNİN ALGI OPERASYONU
Adnan Oktar ve Arkadaşlarına yönelik suçlamaların iftira olduğu anlaşıldı.
"Bizler Suç Örgütü Değiliz..."