l'inganno dell'evoluzione

< <
8 / total: 13

La Degenerazione Morale Nelle Societa’ Miscredenti

Cinayetler

Nel Giorno in cui i miscredenti saranno condotti al Fuoco, [sarà detto loro]: “Avete dissipato i vostri beni nella vita terrena e ne avete goduto. Oggi siete compensati con un castigo avvilente, per l’orgoglio che, senza alcun diritto, manifestavate sulla terra e per la vostra perversione” (Sura al-Ahqaf: 20)

Allontanarsi dal vero scopo della vita è, in un certo senso, perdere i propri valori. Di certo non ci si attendono valori elevati in chi ritiene che il mondo sia il solo ed unico luogo in cui vivere, e che tutte le persone, egli compreso, scompariranno del tutto al momento della morte. Similmente, non ci si attendono qualità umane in qualcuno che non pensa di essere messo alla prova con le proprie azioni, in questo mondo, e che, nell’aldilà, verrà ripagato pienamente in base ad esse.

È inevitabile che le comunità che si aggrappano a tali filosofie distorte facciano esperienza di indolenza spirituale. In questa breve vita, gli individui sono preoccupati al massimo per l’ottenimento di benefici personali e per soddisfare i propri desideri, con l’obiettivo fondamentale di condurre una vita della quale non devono essere responsabili. Allo stesso tempo, non è mai loro ambizione raggiungere la perfezione del carattere, reputando che questo non aggiunga nulla di benefico alla propria vita. Al contrario, sulla base della loro distorta prospettiva sulla vita, essi considerano le persone servizievoli, conscienziose, compassionevoli ed indulgenti alquanto “folli”. La loro logica comanda ai forti di esercitare pressione sui deboli e di usare violenza su di loro, senza rispettare alcuno dei loro diritti.

Allah, nel Corano, sottolinea che coloro che non hanno fede nell’Aldilà e nel Giorno del Giudizio non vedono limiti al commettere azioni sbagliate:

Guai, in quel Giorno, a coloro che tacciano di menzogna, che tacciano di menzogna il Giorno del Giudizio. Non lo taccia di menzogna altri che il peccatore inveterato (Sura al-Mutaffifin: 10-12).

Queste persone, che si sono allontanate dalla religione, aspirano a possedere di più ed instillano questa ambizione nelle menti degli altri intorno a loro, predisponendoli a prevaricare i limiti di Allah.

Viviamo in un tempo nel quale coloro che hanno abbandonato del tutto i valori religiosi sono in maggioranza. Non contente di ciò che fanno esse stesse, queste persone sono desiderose di fare in modo che anche gli altri si allontanino lungo questo sentiero oscuro. Questo è un tempo in cui tutte le forme di immoralità sono rivitalizzate: non vedendo alcun limite al commettere azioni sbagliate, aggressioni violente, indolenza spirituale, degradazione morale, prostituzione, incitando all’“avarizia” come nelle parole di un versetto, ad orientamenti sessuali pervertiti, alla dipendenza dalla droga, al gioco d’azzardo… Nelle pagine che seguono, ci soffermeremo sulle dimensioni della degradazione morale conseguente alla miscredenza

L’Indottrinamento Dell’Immoralità

Una persona miscredente, così come una che abbia poca fede in Allah e nell’aldilà, commette facilmente la fornicazione, il gioco d’azzardo e le azioni che Allah ha reso illegittime. È la miscredenza a costituire, concretamente, la base di questa inclinazione. Questo ragionamento sostiene che l’essere umano sia pervenuto all’esistenza per opera del caso e, perciò, l’uomo non debba sentirsi responsabile nei confronti del proprio Creatore. La Teoria dell’Evoluzione, che promuove ideologicamente la miscredenza, considera gli esseri umani come una forma animale sviluppata. In questo senso, nulla dovrebbe farci preoccupare, tranne il soddisfacimento dei nostri bisogni. Per quanto concerne la soddisfazione dei lati oscuri dell’anima, non dobbiamo rispettare alcun limite; possiamo agire proprio come gli animali. In breve, tali filosofie, che non contengono alcuna dimensione spirituale, non riconoscono i valori morali.

Senza dubbio, i famosi materialisti ed i sostenitori del Darwinismo esprimono chiaramente come la miscredenza considera i valori morali. William Provine, un professore della Cornell University, spiega il modo in cui il materialismo giudica la moralità:

La scienza moderna implica direttamente che il mondo sia organizzato strettamente secondo principi meccanicistici. In natura non ci sono principi intenzionali di alcun tipo. Non ci sono dei e forze progettatrici che siano razionalmente rilevabili... Secondo, la scienza moderna implica direttamente che non ci sono leggi morali od etiche innate, nessun principio guida assoluto per la società umana. In terzo luogo, gli esseri umani sono macchine meravigliosamente complesse. L’individuo umano diviene una persona etica per mezzo di due meccanismi primari: l’ereditarietà e le influenze ambientali. Questo è tutto. Quarto, dobbiamo concludere che, quando muoriamo, muoriamo, e quella è la nostra fine... 11

Come spiega questo scienziato, anch’egli un materialista, la miscredenza non permette la fede nell’aldilà. La gente crede semplicemente di scomparire con la morte. Questa credenza perversa dei miscredenti è così narrata nel Corano:

Non esiste altro che questa nostra vita: viviamo e moriamo e non saremo risuscitati. (Sura al-Muminun: 37)

Questi non credono nella resurrezione dei morti, non hanno limiti e non vedono una danno nefrll’immoralità. Per queste persone, non c’è ragione per cui un uomo debba esercitare la propria volontà. Per questo la miscredenza è la ragione preminente che spiega la degenerazione morale, com’è affermato anche dalle summenzionate parole di W. Provine. I pensieri ed i valori morali distorti di un miscredente sono evidenti in queste parole.

La Degenerazione Originata Dalla Miscredenza

Dégénérescence, de la jeunesse

Time, 23 Nov. 1998

la folie sociale

Una persona che non ha in sé il timore di Allah non si pone limiti. Questo spiega la degenerazione morale nelle società..

Newsweek, 28 May 2000 - The Daily Telegraph, 11 Maggio 2000 - The Daily Telegraph, 26 Giugno 2000 - Newsweek, 4 Giugno 2001
Newsweek, 15 May 2000

Merita anche di essere detto che non tutti coloro che compiono immoralità lo fanno avendo in mente il Darwinismo oppure il materialismo. Tuttavia, bisognerebbe ricordare che queste ideologie e i loro miscredenti mentori instillano queste nozioni distorte nelle menti delle persone e, di conseguenza, la maggioranza della gente si sente avidamente attaccata a questa vita, piuttosto che condurla tenendo in mente l’aldilà.

La filosofia di vita di coloro che, nella generazione degli anni ’60, si gettarono sulla liberazione dei sensi fu anch’essa una conseguenza del non vedere limiti al comportamento. Essi sono ricordati per ogni forma di immoralità, come il sesso libero, le droghe, l’indipendenza arrogante e la ribellione. Tre decenni dopo, oggi, molti di questi iconoclasti degli anni ’60 stanno o governando paesi oppure insegnando a scuola. I genitori che crescono la gioventù di oggi appartengono anch’essi alla stessa generazione. Oggi, assistiamo ad una immoralità che quasi non ha precedenti nella storia del mondo. Una causa di questo è l’esistenza di una generazione molto degenerata, che è stata allevata da genitori miscredenti. Allah, nel Corano, nomina le comunità che sono ignare della religione poiché i loro padri non sono stati avvisati:

(Tu sei uno degli inviati) affinché tu avverta un popolo i cui avi non sono stati avvertiti e che dunque sono incuranti (Sura Yasin: 6).

Come viene sottolineato anche in questo verso, le generazioni che sono nate da popoli miscredenti divengono irreligiose e prive di valori morali come i propri genitori.

Oggi, la causa principale della degenerazione morale che pervade il mondo, dall’America all’Olanda, dal lontano Oriente alla Russia, è l’esistenza di persone che, a causa della propria miscredenza, non ritengono di dover rispondere delle loro azioni e credono di essere indipendenti. Poiché la miscredenza, oggi, è così diffusa – come mai lo è stata prima nella storia – l’omosessualità è diventata una norma sociale. Per lo stesso motivo la prostituzione, la pedofilia, il gioco d’azzardo, la frode e la corruzione sono fuori da ogni controllo. Il marcio nella società è auto-evidente con la mancanza di fiducia ovunque, – anche tra i più stretti membri della famiglia – con le cattive abitudini che diventano una questione di prestigio, il sesso pre-matrimoniale ed extra-matrimoniale che diviene una caratteristica definita della “modernità”. Di nuovo, la miscredenza spiega la perdita, da parte delle persone, delle virtù quali la modestia, il pudore e la buona condotta. Le persone sono costantemente incorggiate ad adottare come norma un comportamento che era moralmente inaccettabile soltanto pochi decenni fa.

È innegabile che la miscredenza porti l’immoralità. Tuttavia, possono esserci delle persone che dichiarano di essere morali, benchè siano miscredenti. Esse sostengono di non essere coinvolte in alcuno dei summenzionati comportamenti immorali. Certo, è possibilissimo che una persona che non abbia fede possa non essere mai coinvolta in alcuna forma di corruzione, e che possa essere determinata a continuare così. Eppure, questo non significa che egli sia, moralmente, una buona persona. Una persona che mostra una condotta virtuosa soltanto perché ha timore di Allah resta coerente nelle sue maniere, non importa quali siano le circostanze. Una persona miscredente, che afferma di non aver mai ricevuto tangenti, può prontamente mentire, se ciò è utile ai suoi interessi. In alternativa, la stessa persona ammette di ricevere bustarelle per pagare le spese ospedaliere del proprio figlio. In breve, al mutare delle condizioni, con il pretesto delle “condizioni che pongono un obbligo”, una persona miscredente può tranquillamente commettere delle cose che essa stessa accetta come sbagliate. Ad esempio, una persona miscredente che considera l’omicidio inimmaginabile può, un giorno, lasciarsi andare all’ira e commetterlo.

Avere dei valori positivi, però, richede la pazienza e la forza di volontà. Non importa quanto siano pressanti le circostanze, bisogna impegnarsi per avere un buon carattere. Per esibire una tale inflessibile pazienza e forza di volontà, è necessario avere uno scopo. I credenti ce la fanno perché hanno un fine ultimo nella vita: ottenere la soddisfazione di Allah, la Sua misericordia e il Giardino. Essi sanno, come ha detto il Messaggero di Allah, saas: “Nella bilancia del credente non ci sarà nulla di più pesante, nel Giorno del Risveglio, del buon carattere”12. A questo scopo, essi colgono ogni opportunità di sforzarsi in direzione dell’eccellenza. Una persona miscredente e priva di uno scopo, d’altra parte, non possiede un motivo di perseverare nella pazienza e nella forza di volontà. Ad esempio, quelli che si guadagnano da vivere con la prostituzione dichiarano che essa è il solo modo con cui possono vivere. Se avessero fede in Allah e nell’aldilà, tuttavia, non sarebbero mai inclini ad un così vergognoso modo di guadagnarsi da vivere. Essendo consci che non saranno in grado di darne una spiegazione, la eviterebbero meticolosamente, con grande timore.

Satana vi minaccia di povertà e vi ordina l’avarizia, mentre Allah vi promette il perdono e la grazia, Allah è immenso, sapiente (Suraal-Baqara: 268)

Come viene indicato nel verso, a causa del timore di diventare povera, la maggioranza della gente osa indulgere in tutte le forme di immoralità. D’altra parte, nella mente di una persona che spera di guadagnarsi la misericordia di Allah, non è presente nemmeno il pensiero di vivere in modo immorale. In un verso, Allah sottolinea come il timore di Allah posseduto dai credenti li faccia sforzare di avere un buon carattere:

Coloro che perseverano nella ricerca del Volto del loro Signore, assolvono all'orazione, danno pubblicamente o in segreto di ciò di cui li abbiamo provvisti e respingono il male con il bene. Essi avranno per Dimora Ultima… (Sura ar-Ra'd: 21-22)

I Problemi Vissuti Dagli Anziani

YaşlılıkNegli autobus affollati, gli anziani stanno in piedi, mentre i giovani seduti evitano il contatto visivo… Gli anziani attendono in coda per delle ore, sotto il sole cocente o la pioggia fitta … Genitori anziani e fragili hanno bisogno di essere accuditi, e sono perciò percepiti come un peso in casa… Donne ed uomini anziani con debolezze mentali e fisiche la cui presenza non li sospinge più verso i loro cari.

Queste sono soltanto alcune cose che coloro che invecchiano, che meritano certamente rispetto, non trascuratezza, devono affrontare negli ultimi anni della loro vita. Nei paesi miscredenti, le persone che vivono problemi legati all’età, sia fisici che spirituali, attraversano molti problemi. Molte sfide individuali e sociali legate alla qualità della vita nell’età avanzata rendono la vita difficile a queste persone. Il maltrattamento da esse ricevuto e i tipi di luoghi in cui vengono lasciate si aggiungono pesantemente ai loro problemi.

Proteggere gli anziani e mostrare loro il dovuto rispetto, tuttavia, sono ordinati nel Corano. Nel verso seguente, Allah racconta il rispetto che gli anziani meritano:

Il tuo Signore ha decretato di non adorare altri che Lui e di trattare bene i vostri genitori. Se uno di loro, o entrambi, dovessero invecchiare presso di te, non dir loro "uff!" e non li rimproverare; ma parla loro con rispetto . (Sura al- Isra: 23)

Gli anziani ed i bisognosi non vanno mai incontro all’intolleranza, alla violenza o alla rabbia, in una società la cui gente possiede la coscienza Coranica. Per gli anziani e i giovani, allo stesso modo, i credenti forniscono le condizioni più pacifiche e confortevoli. Nello stesso momento, essi si attendono la propria ricompensa per questi servizi da Allah.

Se uno ha fede, che egli sia giovane o vecchio, si sforza sempre di rimanere compassionevole, rispettoso e comprensivo. Nelle società che sono distanti dalla religione, gli anziani annoiano le persone intorno a loro a causa della loro permalosità, o di altre caratteristiche sfavorevoli. Non è questo il caso in un ambiente in cui le persone si attengono al Corano in ogni circostanza.

personnes âgées

The Unesco Courier, Gennaio, 1999 - The Independent, 20 Sett. 2000

Le Persone Vengono Incoraggiate Ad Addentrarsi Nell’Immoralità

Oggi, con la parvenza del “modernismo” o della “liberazione”, le persone, specialmente gli adolescenti, sono condizionate in direzione dell’immoralità. Valori che erano rigorosamente evitati alcuni decenni fa sono oggi prontamente interiorizzati dalle società. Tutte le forme del vizio sono mostrate alla TV, nei quotidiani e sulle riviste. Falsari, omosessuali, quelli che vendono i corpi, genitori che spingono alla prosituzione le loro figlie, giocatori d’azzardo, le cosiddette celebrità dai modi deplorevoli sono presentate al pubblico come dei modelli di comportamento. Anche se, a volte, sono genuinamente aborriti, diventano delle persone il cui stile di vita viene emulato dalle masse. Allo stesso tempo, le vite dissolute da essi vissute vengono offerte come un valore caratteristico del “modernismo” o anche della “civilizzazione”.

Les transsexuels

In gran misura, la stampa e i media sono responsabili dell’inserimento dell’omosessual ità, una condotta denunciata nel Corano, nei nostri valori societari.

Come indica questa storia pubblicata nel 1979 dalla rivista Time, qualche decennio fa l’omosessualità è stata propagata tra le masse come un fenomeno naturale.

In anni recenti, il diffuso comportamento, lo stile e l’abbigliamento effeminato tra gli uomini caratterizza una conseguenza di questo indottrinamento. Che le società tendano ad un tale degrado è un simbolo della loro imprudenza. Similmente, la gente famosa, agli occhi del pubblico, promuove le relazioni extraconiugali e l’uso di droga. Le masse, ignoranti, imitano ogni cosa che sia associata a questa gente – dai comportamenti alle filosofie, dallo stile nel vestire all’uso del linguaggio. Esse realizzano a fatica che questa gente – l’oggetto dell’adulazione di milioni di persone – è semplicemente gente superficiale che combatte con seri problemi psicologici, sessuali e spirituali e, perciò, è umiliata in continuazione dai suoi più vicini associati, che sono a conoscenza dei loro mondi interiori. Tuttavia, la maggioranza delle persone non riesce a comprenderlo. Allah riporta l’attenzione al fatto che coloro che non hanno fede sono privi della saggezza:

Tutti i beni che vi sono stati concessi non sono che un prestito di questa vita, un ornamento per essa, mentre quello che è presso Allah è migliore e duraturo. Non comprendete dunque? (Sura al-Qasas: 60).

Uyuşturucu

Ogni giorno, il numero dei consumatori di droga cresce.

Tuttavia, le persone riflessive, sagge, coscienziose, intelligenti, con un solido timore di Allah, devono essere coloro che formano la struttura morale portante della società. E nutrirebbero un modello sociale più sano che espellerebbe tutti i vizi dalla società. Piuttosto che di questioni di nessuna importanza, gli adolescenti potrebbero essere molto più preoccupati dell’arricchimento del proprio carattere. Ovviamente, le persone coscienziose sono coloro che si dedicherebbero al miglioramento della società, invece che alla sua distruzione. Queste sono le persone dalla mentalità aperta, che possono pensare liberamente ed indipendentemente dal condizionamento della società. Avendo abbandonato la miscredenza, esse non divengono cieche e, perciò, possono afferrare lo scopo della vita. Essendo consapevoli che Allah le ha create, queste persone si sentono responsabili unicamente nei confronti di Allah e, perciò, mostrano un carattere eccellente. Poiché esse si conformano soltanto al Corano ed alla Sunna, seguono l’esempio delle persone sincere, sagge, conscienziose che si sforzano di avere un buon carattere:

Avete nel Messaggero di Allah un bell'esempio per voi, per chi spera in Allah e nell'Ultimo Giorno e ricorda Allah frequentemente (Sura al-Ahzab: 21).

Lodare coloro che si sforzano di avere un carattere eccellente nella società e presentano le virtù che un buon carattere apporta allo spirito umano, mentre si esprime la repulsione per i fallimenti morali, fermerà sicuramente le persone che tendono all’immoralità.

Un Simbolo Della Mancanza Di Forza Di Volontà Propria Dei Miscredenti: Le Droghe

L’uso di droga ha avuto un incremento allarmante specialmente durante gli ultimi dieci anni. Che la maggioranza degli adolescenti faccia uso di droghe è un fatto confermato dai rilevamenti. Similmente, il numero dei tossicodipendenti, nel mondo, non è in alcun modo trascurabile. Un’inchiesta condotta nel 1992 concluse che il 50% della popolazione adolescenziale della Gran Bretagna era composta da consumatori di droga. I tossicodipendenti costituivano il 30% degli adolescenti britannici. Un altro rilevamento indica che, tra gli anni 1988 e 1995, gli americani hanno speso in droghe 57.3 miliardi di dollari.13

Tutte le droghe sono nocive alla salute umana. Un consumatore di droga, alla fine, finisce agli angoli bui della società. Egli necessita di notevoli somme di denaro per la droga, tuttavia, paradossalmente, le droghe lo ostacolano fisicamente nel lavoro. A questo stadio, il drogato inizia a procurarsi da vivere al di fuori della legge, rubando, imbrogliando, con la prostituzione eterossessuale o omosessuale, ecc. Alla fine, l’urgenza di ottenere del denaro, ed il non riuscire ad impegnarsi in alcun lavoro decente, si rinforzano vicendevolmente in una spirale che si perpetua da sé.

La drogue: preuve du manque de volonté 
spécifique aux incroyants La drogue: preuve du manque de volonté 
spécifique aux incroyants

Time, 11 août 1997 (milieu) - The Daily Telegraph, 25 févr. 2000 (droit)

L’essere privati della saggezza e della coscienza donate dal Corano spiega come mai i giovani ricorrano alle droghe.

Che una persona, di sua propria libera volontà, ricada in una tale ignobile vita, è inconcepibile. Una persona saggia e coscienziosa non cade mai in una tale situazione. Tuttavia, la mancanza di forza di volontà, che è unicamente una conseguenza della miscredenza, può provocare un danno ancora maggiore, come è affermato nel verso: “In verità Allah non commette nessuna ingiustizia verso gli uomini, sono gli uomini che fanno torto a loro stessi. (Sura Yunus: 44).

Coloro che tentano i giovani all’uso di droga mostrano un altro aspetto degli effetti della miscredenza. Gli spacciatori, che hanno perduto completamente i valori quali la coscienza, la compassione, la misericordia e la pietà, si sforzano di attirare degli altri giovani soltanto alla scopo di guadagnare più denaro. Ad esempio, in alcuni paesi come l’America Latina o la Russia, il contrabbando di droga per guadagno commerciale è tra le attività più redditizie. In complesso, lo stato, in questi paesi, controlla il traffico di droga o permette alle reti coinvolte nel commercio di stupefacenti di continuare a lavorare. Se, almeno, una di queste parti fosse credente ed avesse fede in Allah e nell’aldilà, il mondo sarebbe libero da tale problema. Se, per il timore di Allah, nessuno fosse coinvolto dalla droga, in nessuna forma – né commerciandola, né facendone uso – questo problema finirebbe per sempre.

Oggi, le iniziative contro il commercio della droga ed il suo uso non riescono a fornire delle soluzioni durature. Ad esempio, se i tossicodipendenti cui manca la volontà di sconfiggere la dipendenza sono curati in ospedale, presto ritornano alle loro abitudini precedenti. In carcere, i membri delle reti dello spaccio continuano a trafficare in droghe a livello internazionale. Il solo modo per salvare un tossicodipendente, d’altra parte, è dargli una solida forza di volontà. Soltanto la religione fornisce all’uomo una forza di volontà incrollabile. Persino i miscredenti che dimostrano una forte volontà hanno una passione per qualcosa, un fattore che li rende deboli. Soltanto il timore di Allah e del tormento nel Fuoco fornisce il genere di volontà che nessuno e nulla può sconfiggere.

I giovani, che non conoscono la castità, una delle benedizioni dei valori del Corano, non trovano una ragione per non vendere i propri corpi.

Newsweek, 19 Marzo 2001 - Newsweek, 19 marzo 2001 - The Guardian, 23 Maggio 2000
The Guardian, 30 maggio 2000 - Daily Record, 17 Dic. 1996 - The Unesco Courier, Novembre, 1998
The Daily Telegraph, 14 Sett. 2000

Alcune Azioni Vergognose Ma Diffuse: La Prostituzione, L’Adulterio E L’Omosessualità

La prostituzione, come modo di guadagnarsi da vivere, si sta diffondendo molto velocemente. Ogni anno che passa, l’età media delle giovani prostitue diminuisce. Persino le loro stesse famiglie obbligano ragazze e ragazzi giovanissimi a vendere i loro corpi. Che dei bambini siano spinti in ambiti così repellenti, ad una età in cui essi hanno ancora bisogno di protezione e di attenzioni, dovrebbe allarmare i paesi del mondo sufficientemente perché essi li proteggano da un tale danno. Al contrario, però, i paesi come le Filippine vengono pubblicizzati come attrazioni turistiche popolari per ottenere bambini a scopo sessuale. In molte parti del mondo, i turisti si riversano in queste località solo a tale scopo.

La fornicazione è un altro atto indecente ma diffusissimo. Secondo le National Certified Health Statistics, il 32% di tutti i bambini nati negli USA sono nati da relazioni extraconiugali, il che significa, che, ogni anno, 1.267.383 bambini sono nati da coppie non sposate.14 Un concetto che era inimmaginabile soltanto 2-3 decenni fa, è ora divenuto parte della vita quotidiana.

I danni materiali e spirituali arrecati alla società dalla fornicazione sono evidenti. Né c’è alcun bisogno di far notare che i bambini nati da genitori non sposati o da ragazze madri, che sono esse stesse ancora bambine, hanno di per sé una crescita problematica. Il futuro di questi bambini è spesso fosco. “A Synopsis of Current World Crisis Reports” (Marzo 9, 1998) commenta così la degenerazione morale nella struttura familiare:

L’ultima trasformazione nella prima parte di questo secolo ha richiesto la rovina di tre fattori sociali fondamentali… Il primo fattore, in questo periodo, fu una più completa dissoluzione della morale e della famiglia come base. Questa fu prodotta principalmente a partire dagli anni ’60. Gli elementi radicali che ora governano il paese, in quei giorni, erano chiamati “gli hippies”. L’amore libero fu il loro slogan. Praticamente nessuno notò che essi non erano liberi, dal momento che combattevano sempre qualcuno, e che non era amore, quello che avevano. Era immoralità e degenerazione.15

La fornicazione è un male proibito nel Corano. La fine di coloro che la commettono è il tormento nel Fuoco, a meno che non se ne distolgano in pentimento:

Non ti avvicinare alla fornicazione. È davvero cosa turpe e un tristo sentiero (Sura al-Isra: 32).

… Coloro che non invocano altra divinità assieme ad Allah; che non uccidono, se non per giustizia , un’anima che Allah ha reso sacra; e non si danno alla fornicazione. E chi compie tali azioni avrà una punizione (.
Sura al-Furqan: 68)

Dopo un intenso idottrinamento, la maggioranza della gente vede la fornicazione, che, di fatto, è un’azione che conduce al Fuoco, come “modernità”, e molti sono attirati in essa.

L’omosessualità, che era inaccettabile nel codice morale delle società fino al recente passato, è un’altra azione vergognosa che oggi permea la nostra vita sociale. Gli omosessuali, ai giorni nostri, godono di molti diritti sociali, dai matrimoni omosessuali all’avere figli per mezzo di madri surrogate, o il diritto di adottare dei bambini. Hanno accesso a partiti, clubs e congressi organizzati soltanto per i loro scopi. Allo stesso tempo, molte riviste ed organi della stampa instillano nelle nostre menti che l’omosessualità sia considerata uno stile di vita popolare ed accettabile. Tuttavia, l’omosessualità è una perversione. Nonostante ciò, con parole come “ognuno è libero di scegliere la propria preferenza o il suo orientamento sessuale”, ad essa viene attribuita una “qualità” intellettuale e, perciò, viene legittimata. Come tutti ammettono, c’è un’assenza di valori morali nelle vite degli omosessuali e delle prostitute. Di solito, sono persone aggressive che è difficile convincere su qualsiasi argomento. Bestemmiano molto. Non mantengono puliti i loro corpi e le proprie case. I loro cuori sono pieni di rabbia e di odio verso le persone in misura tale che, senza alcun sentimento di responsabilità, molti di essi trasmettono prontamente le loro malattie contagiose ad altre persone. Non osservano alcun limite in nessuna questione, e sono privi d’onore. Avendo scarsa salute mentale, sono altamente propensi al suicidio o persino all’omicidio. Queste persone non hanno assolutamente alcun contributo da dare alla società. Piuttosto, diventano sempre una fonte di malcontento, tensione, malattia ed immoralità nel loro ambiente. Il motivo per cui la stampa pone l’omosessualità in cima alla propria agenda è degenerare l’opinione pubblica. Siccome c’è una elevata proporzione di omosessuali nei media e nel mondo dello spettacolo, la loro attiva campagna a favore dell’omosessualità è estremamente efficace. Il loro diffondere questa propaganda ancora di più indebolisce per sempre i valori morali della società.

La miscredenza è l’attributo più essenziale di una società degenerata. L’omosessualità è una forma di perversione, in cambio della quale Allah promette il tormento sia in questo mondo che nell’aldilà, a meno che la persona si volga a Lui in pentimento. Allah, nel Corano, proclama che le città delle persone che disobbedirono al profeta Lot furono rase al suolo perché gli abitanti praticavano l’omosessualità, un disastro che peggiorò nel corso della storia. Quando il profeta Lot, pace su di lui, disse loro di abbandonare questa perversione e portò loro l’avvertimento di Allah, essi lo negarono, e persistettero nella loro perversione. A questo punto, il suo popolo fu distrutto dal disastro del quale Lot li aveva preavvisati:

“Tra tutte le creature bramerete i maschi lasciando da parte le spose che il vostro Signore ha creato per voi? Ma voi siete un popolo di trasgressori!”. Dissero: “Se non la smetti, certamente sarai scacciato”. Disse: “Io aborrisco il vostro comportamento. Signore, preserva me e la mia famiglia dalle loro azioni”. Noi lo salvammo insieme con tutta la sua famiglia a parte una vecchia che restò indietro. Quindi annientammo tutti gli altri: facemmo scendere su di loro una pioggia, una pioggia orribile su coloro che erano stati [invano] avvertiti. Questo è certo un segno! Ma la maggior parte di loro non crede. (Sura ash-Shu’ara: 165-174)

Il modo in cui si comportano le istituzioni sociali ed i corpi ad esse relativi è allarmante.

Nessuna di queste istituzioni dà enfasi al fatto che questa perversione sia un’azione sbagliata che non piace ad Allah e la ragione del dolore in questo mondo, così come dell’eterna sofferenza nell’aldilà. La malattia che queste persone perverse arrecano alla società dovrebbe essere rimossa. Tuttavia, quello che è più urgente è salvare queste persone da ciò in cui indulgono. Oggi, ci sono milioni di persone, intorno al mondo, che vivono nella perversione e nella depravazione, che, attraverso questo indottrinamento, hanno incorporato l’immoralità, la ribellione e tutte le forme di comportamento terribile nelle loro vite.

jeux d'argent

Il gioco d’azzardo, un’azione malvagia, è ogni giorno più diffuso grazie ad Internet e alla sua promozione su larga scala operata dai media. Considerare il gioco d’azzardo una pratica accettabile sarebbe un atto davvero incosciente.

The Independent, 16 luglio 2001 - Le Monde Diplomatique, augusto 2000 - The Independent, 23 luglio 2001

D’altra parte, in una società credente le persone si sforzano verso ciò che è migliore, maggiormente onorevole, più estetico ed onesto. Allah ci informa riguardo alle persone che non ben guidate nel verso seguente:

…Allah vi ha fatto amare la fede e l'ha resa bella ai vostri cuori, così come vi ha fatto detestare la miscredenza, la malvagità e la disobbedienza. Essi sono i ben diretti (Sura al-Hujurat: 7)

La sola forza che impedisce all’uomo di indulgere in azioni malvagie e nella perversione, e che fa diffondere nella società i buoni valori è il deen. In un verso, Allah ci informa così:

Recita quello che ti è stato rivelato del Libro ed esegui l’orazione. In verità l’orazione preserva dalla turpitudine e da ciò che è riprovevole. Il ricordo di Allah è certo quanto ci sia di più grande. Allah conosce perfettamente quello che operate. (Sura al-Ankabut: 45)

Il Gioco D’Azzardo È Nocivo Alla Vita Dell’Uomo

Ai giorni nostri, il gioco d’azzardo rovina le società. Tuttavia, esso continua ad essere uno dei settori più remunerativi. Però, enormi somme di denaro spese per il puro piacere, ossia, per il gioco d’azzardo, potrebbero essere incanalate ad uno scopo migliore, ad esempio, per promuovere il benesse pubblico.

L’influenza del gioco d’azzardo sulla gente è del tutto maligna. La società non può permettersi il gioco d’azzardo, cosa che è evidente anche dalle notizie sui quotidiani e in TV. La gente si suicida a causa dei debiti, non riesce a tenere insieme la famiglia, soffre di depressione, e, addirittura, commette l’omicidio, poiché si gioca in poche ore quello che ha messo da parte nel corso degli anni. Questo settore dell’economia, stabilito su famiglie distrutte, matrimoni rovinati, e scambio di denaro al di fuori della legge, è un esempio significativo della degenerazione morale.

È stupefacente che il gioco d’azzardo, che arreca un così grande danno alla società, sia ampiamente pubblicizzato. Fare soldi con il gioco e legittimarlo non sono sicuramente cose fatte da persone che danno ascolto alla loro coscienza.

Quelli che permettono che il gioco d’azzardo, che è una fonte di sofferenze di massa, sia diffuso nella società, ammettono questo vizio quando essi stessi iniziano a soffrirne. Fino a che loro stessi vanno incontro a una tale indesiderabile fine, tuttavia, fanno si che molta gente ricada in una vita buia. Sradicare tali comportamenti privi di coscienza è possibile soltanto attraverso l’adesione al Corano. Allah definisce il gioco come immondo e avverte l’uomo di starne alla larga:

O voi che credete, in verità il vino, il gioco d’azzardo, le pietre idolatriche, le frecce divinatorie sono immonde opere di Satana. Evitatele affinché possiate prosperare. In verità col vino e il gioco d’azzardo, Satana vuole seminare inimicizia e odio tra di voi e allontanarvi dal Ricordo di Allah e dall’orazione. Ve ne asterrete? (Sura al-Ma’ida: 90-91)

Spetta alle persone fedeli e coscienziose sollevare la consapevolezza riguardante i danni provocati dal gioco d’azzardo, e richiamare la gente all’evitamento di questo vizio.

satanisme

Una Perversione Originata Dalla Miscredenza

Alcuni giovani credono che, obbedendo a Satana, saranno in grado di continuare con lui la loro perversione all’Inferno. L’Inferno, però, si trova sotto il completo controllo di Allah, ed essi soffrirano la pena per i loro atti nell’Inferno insieme a Satana.

Il Satanismo è un male che, occasionalmente, ritorna all’ordine del giorno. Quando l’argomento perviene all’attenzione del pubblico, ognuno fa un commento secondo le proprie idee ed offre vari modi per proteggere i giovani da questa minaccia. Tuttavia, è ovvio che nessuna di queste soluzioni ha radici profonde ed è definitiva, e che c’è un solo modo di proteggere le persone da questa perversione: avere fede in Allah, apprezzare i segni della Sua esistenza e potenza, temerLo, vivere in conformità al Corano ed educare i giovani. Nessun’altra via sarà d’aiuto nel liberare la gente da questa minaccia.

The Guardian, 13 luglio 2001 - The Daily Telegraph, 28 aprile 2000

 

NOTES

11. Philip Johnson, Darwin On Trial, 2.b. Illinois: Intervarsity Press, 1993, p. 126

12. At-Tirmidhi, riportato da Abu’d-Darda

13.http://www.nida.nih.gov/Infofax/costs. html

14.http://www.thewinds.org/arc_editorials/government/world_crisis08-98.html

15.http://www.thewinds.org/arc_editorials/government/world_crisis08-98.html

 

8 / total 13
You can read Harun Yahya's book Soluzione: I Valori del Corano online, share it on social networks such as Facebook and Twitter, download it to your computer, use it in your homework and theses, and publish, copy or reproduce it on your own web sites or blogs without paying any copyright fee, so long as you acknowledge this site as the reference.
Riguardo questo sito | Fanne la tua Homepage | Aggiungi ai preferiti | RSS Feed
tutto il materiale può essere copiato, stampato e distribuito semplicemente facendo un riferimento a questo sito
(c) All publication rights of the personal photos of Mr. Adnan Oktar that are present in our website and in all other Harun Yahya works belong to Global Publication Ltd. Co. They cannot be used or published without prior consent even if used partially.
© 1994 Harun Yahya. www.harunyahya.it
page_top