l'inganno dell'evoluzione

< <
12 / total: 18

Parte III: "I Segni Negli Esseri Viventi"

Architetti Sorprendenti

Nnon sanno neanche creare una proteina – uno delle più semplici sostanze chimiche fondamentali per la vita – sebbene ne abbiano a portata di mano tanti esemplari.

È ovvio che un essere con una infinita conoscenza e potere – Allah – ha creato questo animale. Il "Coleottero Bombardiere", così come miliardi di altre cose che sono state create, è solo uno dei tanti esempi del Suo infinito potere ed impareggiabile creazione.

Nelle pagine precedenti abbiamo esaminato le mirabili caratteristiche delle api. Abbiamo visto come una colonia di api realizza quella grande meraviglia architettonica che è l'alveare, gli intricati ed ingegnosi piani che impiegano quando lo costruiscono, ed i compiti, abbastanza difficili anche per l'uomo, che portano a termine automaticamente.

beaver

Come precedentemente menzionato, le api sono capaci di fare questo lavoro straordinariamente impegnativo non perché siano più intelligenti dell'uomo, ma perché sono state "inspirate" a farlo. Altrimenti non sarebbe possibile, per migliaia di inconsapevoli animali, compiere tali difficili e complicate operazioni, che hanno bisogno di un controllo e di una supervisione svolta da un unico centro direttivo.

Le api comunque non sono gli unici architetti eccellenti in natura. Nelle pagine seguenti daremo uno sguardo ad altri animali, che riescono abilmente a risolvere problemi costruttivi molto complicati, e difficili come quelli delle api. Questi animali, proprio come le api, possiedono una conoscenza che è stata a loro "inspirata", e costruiscono delle meraviglie architettoniche con l'aiuto di interessanti abilità, elargite al momento della loro creazione.

Gli scoiattoli sono i primi che ci vengono in mente, tra gli architetti eccellenti che esistono in natura. Questi animali costruiscono le loro casette in laghetti stazionari, che però sono speciali in quanto formati artificialmente grazie a delle dighe che gli scoiattoli costruiscono sui corsi d'acqua.

 

beaver02
beaver01

 

beaver03

Il castoro ha delle speciali caratteristi che adatte ai lavo ri dicostruzione che fa. Lo strumento più importante che ha a sua disposizione sono i denti. Costruisce delle dighe con dei rami che rosicchia fino a tagliarli.

Naturalmente i suoi denti spesso si consumano, si erodono e si rompono. Se non avesse a disposizione un sistema speciale per il suo lavoro, in poco tempo perderebbei suoi denti e morirebbe di fame. Invece, come abbiamo menzionato, il problema gli è stato risolto già dall'inizio. I suoi quattro denti anteriori, che lui usa per rosichiare gli alberi, gli con ti nua no a cres ce re per tutta la vita. Com'é che ques ti denti hanno acqui si to ques ta par ti co la ri tà? Ha forse il cas to ro deci so lui di farli cres ce re dopo che li ha visti rom per si? Oppure i denti del castoro che costruì la prima diga iniziarono a crescere improvvisamente? Ci sembra invece che l'animale sia stato creato già in possesso di una tale caratteris ti ca. Che questa sia una creazione ad hoc lo si può arguire dal fatto che la grandezza dei denti posteriori rimane costante. Se tutti i suoi denti continuassero a crescere come quei quat tro davanti, i denti nel retro, che non si consumano, crescerebbero eccessivamente forzandoglila mandibola e ren dendogli infine la bocca inutilizzabile. Invece crescono solo i quattro denti anteriori, quelli che usa per rosicchiare gli alberi. Oltre ai denti, molti altri organi del castoro sono stati creati esplicitamente per il tipo di lavoro che fa. Ha delle cor ti ne tras parenti che proteggono i suoi occhi quando lavora sott'acqua, delle valvo le speciali che non gli lasciano entra re l'ac qua nel naso e nelle orecchie, dei piedi sovradi - mensionati nel retro che gli permettono di spostarsi come un pesce nell'acqua, ed una larga, piatta e rigida coda. Queste sono alcu ne delle caratteristiche che lo distinguono, e che il castoro possiede sin dalla sua creazione.

beaver

Gli scoiattoli si impegnano a costruire una diga che blocchi la corrente, e così riescono a formare un laghetto stazionario, nel quale poi costruiscono una casetta per il loro uso. A questo scopo dapprima spingono dei grossi rami nel letto del corso d'acqua. Poi accatastano dei rami relativamente più sottili su quelli più pesanti. Rimane però il problema che lo scorrere dell'acqua potrebbe trascinare via questa massa di rami. Infatti a meno che la diga non venga ben serrata sul letto del corso d'acqua, l'acqua corrente la danneggerebbe in poco tempo. La miglior cosa da fare per impedire che questo accada è posizionare dei paletti nel terreno e costruire la diga su questi paletti. A questo scopo gli scoiattoli usano dei grossi paletti come sostegno della diga che stanno costruendo. Ma non perdono tempo ad infilzare questi paletti nel letto del corso d'acqua, li immobilizzano invece con il peso di alcune pietre. In ultimo allacciano tra loro i rami che hanno accatastato, con una malta speciale che fanno loro stessi usando argilla e foglie morte. Questa malta è resistente all'acqua e rimane molto stabile nonostante l'effetto demolitore dell'acqua che scorre.

La diga blocca l'acqua ad un angolo di 45o esatti. E ciò significa che gli scoiattoli non costruiscono la loro diga buttando in acqua dei rami a casaccio, ma che usano un metodo pianificato con cura. Quello che qui merita la nostra attenzione, è il fatto che oggi tutte le moderne centrali idroelettriche costruite dall'uomo sono realizzate con lo stesso angolo di 45o. Ed inoltre gli scoiattoli non commettono l'errore di bloccare completamente il corso d'acqua. Costruiscono la loro diga in modo che l'acqua raggiunga il livello che loro desiderano, e lasciano degli appositi canali per far fluire l'acqua in eccesso.

Le Torri Delle Termiti

Termit

Il ruolo delle termiti tra gli architetti della natura è incontestabile. Le termiti, che somigliano molto alle formiche, vivono in nidi imponenti, a forma di torri, che costruiscono erigendoli sul suolo. L'altezza di queste torri può raggiungere fino i sei metri, e la loro larghezza i dodici metri. Il fatto più interessante delle termiti è che sono cieche.

Il materiale con cui il nido viene costruito è una malta resistente, che le termiti producono miscelando la loro saliva con la terra. L'aspetto più straordinario della loro arte costruttiva è che all'interno delle loro colonie vi è un ricambio continuo dell'aria, e che la temperatura e l'umidità nei nidi sono sempre sorprendentemente costanti. Le spesse e rigide pareti delle torri che costruiscono isolano la parte interna del nido dal calore esterno. Per la circolazione dell'aria vengono realizzati degli speciali corridoi lungo le pareti interne, dove vi sono dei pori che filtrano l'aria di continuo.

Per fornire d'ossigeno gli abitanti di un nido di medie proporzioni, occorrono ogni giorno 1.500 litri d'aria. Se tutta quest'aria venisse introdotta direttamente nel nido, la temperatura di questo si alzerebbe fino ad un livello estremamente rischioso per le termiti. Che però hanno preso delle precauzioni al riguardo, come se già sapessero ciò che potrebbe poi succedere.

Costruiscono degli scantinati umidi sotto il nido per proteggersi contro il caldo eccessivo. Le specie che vivono nel deserto del Sahara scavano un canale d'irrigazione 40 metri sottoterra, e fanno in modo che l'acqua arrivi al nido grazie alla sua evaporazione. Le spesse pareti della torre contribuiscono a mantenere l'umidità all'interno.

Il controllo della temperatura, come quello dell'umidità, viene pure fatto in maniera molto sensata e delicata. L'aria esterna passa attraverso dei sottili corridoi posti sulla superficie del nido, ed entra negli scantinati umidificati per raggiungere poi un atrio in cima al nido; dove l'aria si riscalda a contatto dei corpi delle termiti e sale verso su. In questo modo viene approntato, grazie a dei semplici principi fisici, un sistema di circolazione dell'aria, che viene continuamente ispezionato dalle termiti operaie.

Fuori dal nido, si notano un tetto – inclinato per protezione contro gli allagamenti – e delle grondaie.

Come possono questi esseri viventi, con dei cervelli dal volume inferiore ad un millimetro cubo, e privi della vista, riuscire a fare una tale complessa costruzione?

L'opera delle termiti è certamente il risultato di un lavoro collettivo svolto da tutte loro insieme. Affermare perciò che "gli insetti scavano dei tunnel indipendenti e questi poi si scoprono in accordo l'uno con l'altro" è un puro e semplice nonsenso. Ma a questo punto comunque ci viene da domandare: come fanno questi animali a lavorare in armonia mentre eseguono questo lavoro così complesso? Noi tutti sappiamo che quando una simile costruzione viene fatta dall'uomo, prima di tutto ci vuole un progetto basato sul disegno di un architetto, poi i piani del progetto vengono distribuiti a chi farà il lavoro, e tutta l'opera viene minuziosamente organizzata in un cantiere. Come possono le termiti, che non hanno tali mezzi di comunicazione tra loro, e che sono addirittura cieche, riuscire a gestire questa gigantesca costruzione in armonia?

Termit
Termit

Pur non essendo alte che pochi centimetri, le termiti riescono a erigere delle torri alte molti metri e senza usare alcun strumento. Questi mirabili nidi proteggono perfettamente le colonie di milioni di termiti che vi abitano dai loro nemici e dalle sfavorevoli condizioni di vita all'esterno.

Un esperimento, che è stato fatto per approfondire tale argomento, ci aiuterà a trovare una risposta alla domanda che ci siamo posti.

In questo esperimento, come prima cosa, un nido di termiti ancora in costruzione fu diviso in due parti. Le termiti continuarono lo stesso la costruzione, durante la quale però gli fu impedito di venire a contatto tra loro. Il risultato fu sorprendente. Alla fine del lavoro di costruzione, le termiti non completarono due nidi indipendenti, ma due metà di un nido che, quando furono accostate, si constatò che avevano tutti i corridoi ed i canali, costruiti dopo la separazione iniziale, che combaciavano perfettamente tra loro.

Termit
1. Camino centrale
2. Camini ausiliari
3. Alimentari
4. Giardini del fungo
5. La stanza dellan regina
6. Tunnel che viaggiano sopra la terra
7. Stanze in cui le larve sono cadute
8. Sostegno su cui il nido sotterraneo è costruito 

Come si può spiegare un tale evento? È ovvio che non tutte le termiti posseggono le informazioni su come costruire un nido completo. Una di loro può essere a conoscenza solo della parte del processo che le compete. Da ciò si conclude che il posto dove sono conservate tutte le informazioni necessarie per la costruzione, è la comunità delle termiti considerata nella sua interezza. Pertanto possiamo allora parlare di una conoscenza ben più profonda, che si può dire che esista solo al livello di una comunità di individui della stessa specie. E questo esempio non è il solo. Ad esempio, quando è in volo, una massa di cavallette di solito vola verso una determinata direzione. Se togliamo una cavalletta dal suo gruppo e la mettiamo in una scatola, questa perde immediatamente l'orientamento e, presa dal panico, cerca di volare in tutte le direzioni. Se però poniamo la scatola in mezzo alla massa in volo da cui proviene, la cavalletta vola subito verso la giusta direzione, cioè la stessa verso cui si sta dirigendo tutta la massa delle compagne!

Brevemente, le informazioni relative alla organizzazione collettiva ed alle opere degli organismi individuali vengono rivelate solo al livello della comunità. E mai individualmente. In altre parole, gli animali impegnati in "costruzioni" collettive, come le api e le termiti, non sanno quello che stanno facendo come individui. Al di là della loro parziale conoscenza, esiste un'altra sapienza che le controlla tutte e crea il risultato perfetto, usufruendo del lavoro di tutte loro prese insieme.

Abbiamo visto nelle pagine precedenti che nel Corano Allah afferma che la produzione del miele è "inspirata" nelle api. Questo è anche quello che succede per le termiti e per altri animali.

AGRICOLTURA NELLA TORRE

Alcune termiti coltivano funghi nei giardini che costruiscono nelle loro torri. Questi funghi però, data la loro natura, diffondono del calore che interferis ce con l'equilibrio termico assicurato dalle termiti, le quali devono pertanto tenere sotto controllo l'aumento di temperatura. Lo fanno con dei metodi inte ressanti con cui riescono a eliminare il calore in eccesso prodotto sia da loro stesse che dal metabolismo dei funghi coltivati nei loro giardini. Il calore gene rato solleva la torre principale del nido (effetto camino). L'aria circola e passa a dei camini ausiliari, procedendo attraverso dei piccoli canali in prossimità delle pareti. E qui viene fatto entrare l'ossigeno ed estromessa l'anidride carbonica prodotta dalle termiti e dai funghi. In questo modo il loro nido funziona come un gigantesco polmone per l'intera colonia. L'aria si raffredda quando si spos ta lungo il sistema di canali capillari. Di conseguenza vi è un flussopermanen te di aria fresca e ricca di ossigeno che entra a una velocità di 12 centimetri al minuto e ciò assicura che la temperatura interna rimanga costantemente sui 30 gradi.

Una vista dal giar di no di fun ghi delle ter mi ti.

Termit

Di sicuro questi eccellenti processi sono stati "insegnati" agli animali, che poi sono programmati per fare questo lavoro. Gli uomini possono riuscire a gestire la costruzione degli incredibili edifici che erigono, solo dopo anni di studi di ingegneria edile, e solo usando molti strumenti tecnici. È evidente che questi animali, che non posseggono la sapienza e la conoscenza che gli uomini invece hanno, sono stati creati appositamente per fare questo lavoro, e così essere il mezzo per dimostrare l'infinita conoscenza e potere del loro Creatore.

Chi è degno di lode ed ammirazione per le grandi meraviglie architettoniche che costruiscono sicuramente non sono queste piccole creature, ma Allah Che le ha create assieme al loro talento.

weaver_ants

PUÒ UNA LARVA COSTRUIRE UNA MACCHINA DA CUCIRE?

Mentre alcu ne for mi che ten go no ferme le cime delle foglie con le loro boc che e zam pet te, le altre por ta no su dai nidi della cova delle larve svi lup pa te solo a metà. Queste, con la loro sali va, ven go no usate dalle for mi che che le por ta no avan ti e indie tro sulle cime delle foglie, dove ven go no spre - mu te, per far secer ne re dalle loro glan do le sali va ri un filo, ed usate come se fos se ro un ago fino a che tutte le foglie sono sal da men te attac ca te l’una all’al tra. (vede re sotto)

"Tutto quel lo che è nei cieli e in terra appar tie ne ad Allah. Allah abbrac cia tutte le cose.." (Surat an-Nisa: 126) 

FORMICHE TESSITRICI

Le for mi che tessitrici vivono nelle foreste pluviali dell’Africa. Al contrario delle altre formiche che costruiscono i loro nidi sottoterra, queste formiche invece li realizzano usando delle foglie sulle cime degli alberi.

Costruito pensando ad attacchi dall'esterno, il nido qualche volta è cosi grande da estendersi fin sopra a tre alberi vicini. Il nido viene approntato in modo da fronteggiare qualsiasi tipo di situazione. Ha parecchi comparti: dalle stanze private per i figli fino alle torri di guardia.

weaver_ants

Dapprima le formiche si sparpagliano sull'albero su cui hanno deciso di sistemarsi (vedere a sinistra). Dopo aver deciso quale é il posto dove costruiranno un nido, si mettono immediatamente al lavoro, piegando le foglie che useranno dai lati. Per mettere le foglie insieme costruiscono dei ponti sospesi bloccandole insieme (vedere a destra e sotto). La formica che è in testa tiene ferma la foglia per la cima e la passa alla seconda formica serrandola. Questo trasferimento continua fino a che la cima della foglia arriva all'ultima formica e le due foglie si sovrappongono una sull'altra.

 

12 / total 18
You can read Harun Yahya's book I Segni Nei Cieli Ed In Terra Per Gli Uomini Con Discernimento online, share it on social networks such as Facebook and Twitter, download it to your computer, use it in your homework and theses, and publish, copy or reproduce it on your own web sites or blogs without paying any copyright fee, so long as you acknowledge this site as the reference.
Riguardo questo sito | Fanne la tua Homepage | Aggiungi ai preferiti | RSS Feed
tutto il materiale può essere copiato, stampato e distribuito semplicemente facendo un riferimento a questo sito
(c) All publication rights of the personal photos of Mr. Adnan Oktar that are present in our website and in all other Harun Yahya works belong to Global Publication Ltd. Co. They cannot be used or published without prior consent even if used partially.
© 1994 Harun Yahya. www.harunyahya.it
page_top